sabato 17 novembre 2012

STORIA DELLA MODA- i primi tentativi di creare un'autentica moda italiana

Ciao ragazze/i quasi un mese fa vi avevo proposto un post riguardante la storia della moda, ed eccomi qui al secondo appuntamento.

Come scritto nel titolo oggi tratterò dei primi tentativi da parte degli italiani di creare una nostra vera e propria moda. I primissimi tentativi (anche se il riconoscimento di un'autentica moda italiana, svincolata dall'influenza francese, risale al Novecento) risalgono al Risorgimento e soprattutto quando nel 1848, il giornalista Luigi Cicconi sulle pagine del "Mondo Illustrato" di Torino suggerì un patriottico vestito all'italiana, questa iniziativa però era mossa da motivi sia politici che economici.
Questo primo tentativo non ebbe alcun seguito e la questione di una moda italiana in seguito venne riproposta più volte. Ad esempio il 26 aprile 1872, all'indomani di Roma Capitale, venne costituita la Società italiana per l'emancipazione delle mode.


Il dibattito sulla necessità della creazione di una moda italiana venne ripreso poi agli inizi del Novecento, durante le celebri esposizioni di Milano e di Torino. All'esposizione Internazionale di Milano la sarta lombarda Rosa Genoni si fece promotrice di una moda italiana svincolata dall'influenza d'Oltralpe, presentando una collezione di abiti ispirata alle opere di noti artisti del Rinascimento italiano.
Per le sue creazioni la Genoni utilizzò esclusivamente tessuti italiani e tra i suoi abiti troviamo quello ispirato alla Primavera del Botticelli, realizzato in raso di seta rosa pallido, con sopravveste in tulle color avorio, impreziosita da ricami a motivo floreale in perline, paillettes e cordoncini dorati grazie al quale riuscì ad ottenere il Gran Premio per la sezione Arte Decorativa da parte della giuria Internazionale.

Rosa Genoni, abito da ballo "La Primavera", 1906

Rosa Genoni, manto di corte ispirato a un disegno di Pisanello, 1906

Purtroppo però, come i suoi precedenti, Rosa Genoni non ebbe una gran risonanza, infatti le più grandi case di moda italiane continuarono ancora a seguire i dettami della moda francese, sia acquistando direttamente i diritti di riproduzione dei modelli dalle maison francesi, sia copiandoli dalle riviste.





Addirittura i più importanti editori di periodici femminili disponevano di agenzie di corrispondenza francesi che li rifornivano di ogni novità nel campo della moda. Tra questi editori comparivano Garbini, Sonzogno e Treves.

E' il caso ad esempio del periodico "Margherita. Giornale delle Signore Italiane", edito dai fratelli Treves e fondato nel 1878 all'indomani dell'incoronazione della regina Margherita e battezzato in suo onore.

 Inizialmente questo giornale era rivolto solo ad un pubblico benestante dell'alta borghesia per il costo elevato, successivamente però Treves pubblicò "L'eco della moda", una rivista più economica che tutti (o quasi) potevano permettersi.








Nonostante in questi periodici troviamo la presenza di figurini italiani il messaggio rimase pur sempre francese ed anche il lessico quindi era quello della moda francese che ancora oggi utilizziamo, basti pensare a parole come ruche, volant, plissé, décolletté, o tailleur.
A proposito del tailleur, a partire della fine dell'Ottocento conobbe una notevole notorietà e fu così battezzato perché esigeva per la sua confezione il sarto maschile, "tailleur" in francese, in contrapposizione a quello femminile, il "couturier".






fonti: "Moda dalla nascita della haute couture ad oggi" - Sofia Gnoli
google images

26 commenti:

  1. Ma dimmi te eravamo proprio dipendenti dalla moda francese, belle comunque le riviste con le illustrazioni. Brava mi hai insegnato molte cose che non sapevo!
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post Ale, mi è piaciuto un sacco imparare tutte queste cose che non sapevo!!
    Un bacione

    lemanidicalypsonailart.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. Che belli questi tuoi post!!!! Interessantissimi!!!
    C'è un premio per te sul nostro blog!! Vieni a vedere!!!
    Kisses
    Francy&Stef
    chicwiththeleast.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Bravissima Alessandra! Che bel post, e favolose le illustrazioni che hai messo:) Caspita, certo che abbiamo seguito parecchio l'esempio francese!:) Un bacio e buona domenica!!

    RispondiElimina
  5. Amazing dresses, the history of the fashion is so interesting!!
    Xx

    RispondiElimina
  6. Post molto interessante!!!

    Buona domenica,Elle
    http://redischic.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. bellissimo.post mia cara un bacino grande

    RispondiElimina
  8. Molto interessante e gradevole da leggere. Splendida illustrazione del giornale margherita con i due figurini. Buona domenica

    RispondiElimina
  9. Ancient dresses are so full of stories to tell...love them! Would you maybe like to follow each other? Would be great!
    Hugs from Vienna!
    Eve

    RispondiElimina
  10. bellissimo e interessantissimo post, è bello conoscere la storia!!!!! in questo caso della moda!!!! baci

    RispondiElimina
  11. che belle foto!!!ottimo post cara!!!

    RispondiElimina
  12. Molto interessante questo post. Molte cose non le conoscevo!!
    Alessia
    FACEBOOK
    YOUTUBE

    RispondiElimina
  13. l'anno scorso ho proprio fatto una ricerca sulla storia della moda! Un successone :) nuovo post online, passa se ti va :) www.15andfashion.blogspot.ch

    RispondiElimina
  14. Proprio vero, il lessico ci tradisce, ahimé! Hai un blog molto interessante e non scontato, ti seguo volentieri. Ciao.

    Ubique Chic, H2O Fashion added

    RispondiElimina
  15. molto interessante!

    http://wishuponastarblog.wordpress.com/2012/11/17/new-in-my-closet/

    RispondiElimina
  16. Bellissimo post...
    New Contest on my blog...
    smack

    RispondiElimina
  17. thanks for sharing

    http://www.sazistopsecret.blogspot.com/

    RispondiElimina
  18. Complimenti per il post, interessante e con delle bellissime illustrazioni!! Apprezzo molto i post con questo tipo di contenuto e auguri in ritardissimo per il tuo compleanno!!
    Baci e a presto!

    RispondiElimina
  19. I'm very pleased to see another post on the history of fashion from you!
    Love the illustrations and the gowns that you picked for this story :)

    RispondiElimina
  20. NICE POST!! AND LOVELY INFORMATION♥♥

    RispondiElimina
  21. Grazie mille a tutti, siete gentilissimi! Sono davvero contenta che apprezziate così tanto questi post :)♥

    RispondiElimina
  22. thanks to all my lovely followers :) ♥

    RispondiElimina